Valore non valido
Valore non valido

AGOSTO 2020.editoriale agosto

Sarà capitato anche a voi… No, non abbiamo trasformato questo appuntamento mensile, che ormai da tanti anni viene dedicato ai tesserati e alle società sportive del CSI di Bologna, in una rubrica musicale. L’acqua è quella azzurra (intesa come Nazionale) e anche quella Azzurra, intesa come Azzurra ‘91 CSI Bologna, la società di nuoto agonistico del nostro Comitato. Un progetto nato giusto trent’anni fa, che poneva le basi su un mondo natatorio targato CSI che all’epoca era, purtroppo, abbastanza diverso da quello di adesso; motivi prettamente extra-sportivi ne hanno infatti limitato le potenzialità, riducendo quello che sarebbe dovuto essere un mondo CSI nell’intera provincia di Bologna, unicamente ad un contesto di nuoto cittadino gestito dal CSI Bologna, con un’interessante appendice aperta da qualche anno a San Lazzaro di Savena. Sarà capitato anche a voi, dicevamo, in questi mesi di lockdown di venire presi un po’ alla sprovvista alla notizia di qualche vostro collega di lavoro che vi ha salutati, raggiungendo, proprio in questo periodo, la meritata pensione. Alla sprovvista, per almeno due motivi; l’applicazione della famosa “quota 100” ha infatti permesso a molti, quando nessuno se lo aspettava, di tagliare il traguardo anticipatamente, magari a poco più di sessant’anni. E di farlo, soprattutto, in un periodo di smartworking generale, senza quindi i preavvisi, i saluti, i regali, le feste d’addio di prammatica… Così non è stato per il nostro Mirco Di Tora che, alla giovane età di 34 anni (assai vetusta, per il mondo del nuoto, invece!), ha chiuso nei giorni scorsi una lunghissima carriera da portacolori della nostra squadra. Per annunciarlo, non ha scelto un freddo comunicato stampa, ha invece voluto farlo al termine dell’ennesima partecipazione ai Campionati Italiani, in quel Sette Colli rinviato a giugno e organizzato poi nel mese di agosto, uno dei primissimi meeting a livello mondiale e il primo in assoluto in Italia. La mitica piscina del Foro Italico di Roma, non poteva esserci location più iconica di questa, è stata quindi la sua passerella per i saluti finali. Impossibile qui ripercorrere in modo completo la carriera, i record e la storia agonistica di Mirco, senza dimenticarci qualcosa. Arrivato giovanissimo da Ferrara, è stato per Azzurra ’91 il primo campione, l’apripista (anzi corsia) intorno al quale è cresciuta un’intera generazione di atleti, allenatori, dirigenti e squadre giovanili. Ilaria Bianchi, Martina Carraro, Arianna Barbieri, Luca Leonardi, Paolo Facchinelli, Fabrizio Bastelli, Riccardo Lanozzi, Gianluca Alberani (oggi di casa a Fort Lauderdale, l’Università del nuoto mondiale), Denny Ferroni, per finire con Luisa Trombetti, Costanza Cocconcelli e tanti altri. Mettere in fila successi e medaglie di Mirco, appare quasi riduttivo. Cinque medaglie (tre d’oro) ai Campionati Europei, diverse partecipazioni ai Mondiali, sia in vasca corta che in vasca lunga. Due volte olimpionico, nel 2008 e nel 2012. Tantissime altre medaglie conquistate nelle categorie giovanili, ai Giochi del Mediterraneo, alle Universiadi e nei meeting più prestigiosi. Cinquanta medaglie tonde tonde (avete letto bene), di cui trentatré d’oro, ai diversi Campionati Italiani, fra gare individuali, sempre nella specialità del dorso, e staffette miste. Più volte primatista italiano nei 50 e nei 100 metri dorso, e nella staffetta 4 x 100 mista, ne ricordiamo due gemme assolute. I record italiani stabiliti agli indimenticabili Mondiali di Nuoto di Roma del 2009, e il record del mondo nella staffetta 4 x 50 misti in vasca corta, stabilito insieme a Terrin, Belotti e Magnini. Non solo nuoto, però, per lui: il carattere generoso e intraprendente lo ha visto negli anni vivere esperienze diverse: da quella di modello per le campagne pubblicitarie di Dolce e Gabbana, a quella di ospite di diverse trasmissioni televisive nazionali. Dalla partecipazione come co-telecronista alle dirette delle gare di nuoto per Rai Sport, fino al progetto di formazione che ha intrapreso già da qualche anno. La scuola di nuoto Nesc - Nuoto Extremo Swim Camp, insieme all’amico e collega Niccolò Beni, da lui conosciuto proprio alle Olimpiadi di Pechino nel 2008. Nel frattempo, ha colto l’occasione di arruolarsi in Polizia, rivestendo la maglia, oltre che di Azzurra ’91 e della Nazionale, delle Fiamme Oro. Cosa aggiungere? Per il CSI di Bologna è stato sempre un grande onore averlo fra i propri testimonial. Non tanto e non solo per l’aspetto sportivo, ma anche per quello personale e associativo. Ha partecipato, sempre con piacere e grande disponibilità, a tanti nostri eventi, anche con finalità di beneficienza, sensibilizzazione e solidarietà. Socievole, estroverso e un po’ guascone, ma sempre senza esagerare o andare sopra le righe, si è sempre fatto benvolere da tutti. Cosa non facile nel mondo dello sport di oggi. Pur non essendo la stella principale del nuoto azzurro, proprio per queste sue qualità riconosciute, è stato anche scelto dai compagni di squadra, per un periodo abbastanza lungo, come capitano della Nazionale Italiana. Lo ringraziamo di tutto questo, e pensiamo ci sarà tempo e modo di festeggiarlo in modo adeguato anche perché le nostre strade, quelle della passione sportiva e dell’appartenenza associativa, torneranno sicuramente a incontrarsi molto presto.    

 

Andrea De David

presidenza@csibologna.it

icona facebookicona youtubeicona twittericona instagram

 

       

                                                         

L'editoriale

Acqua azzurra, acqua chiara

AGOSTO 2020. Sarà capitato anche a voi… No, non abbiamo trasformato questo appuntamento mensile, che ormai da tanti anni viene dedicato ai tesserati e alle...

Leggi tutto »
Vai all'archivio »

banner newsletter

Calendario Eventi

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.